Un pisano all'inferno - Edizioni Il Campano
17757
product-template-default,single,single-product,postid-17757,qode-quick-links-1.0,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Un pisano all’inferno

10.00

Titolo: Un pisano all’inferno
Autore: Fabio Caprili
Pagine: 104 ppgg.
Prezzo: 10,00 €
Tipo Rilegatura: Brossura
Mese e Anno Pubblicazione: Giugno 2017
Illustrato: Si
Dimensioni: 15×21 cm
ISBN: 9788865283875

Era da tempo immemorabile che avevo l’ardire di metter su “carta” questa storia, una vicenda realmente accaduta e che nessuno osava tirar fuori dal cassetto dei ricordi.

Probabilmente, se la curiosità non mi avesse spinto a chiedere a mia madre notizie sui nostri avi, il tutto sarebbe finito di diritto nel dimenticatoio più completo.

Ebbene, un giorno mentre mi trovavo a risistemare delle carte di mio nonno Enzo, saltarono fuori dei documenti di notevole importanza che mi fecero sobbalzare su “quel divano” e che attirarono fortemente il mio interesse. Rimasi eccitato dalla scoperta, ma allo stesso modo provai un profondo senso di tristezza per la portata del rinvenimento.

Quel “passaporto provvisorio del Reich” mi diede lo spunto per avvicinarmi alle vicende del mio bisnonno, creando un trait d’union tra le nostre differenti generazioni.

Entrare nel suo passato, raccontare le sue sofferenze o immaginare quel che può aver patito, è stato un tuffo carpiato in uno dei periodi più bui mai scritti dalla storia.

Ripercorrere questo periodo assai lontano non è stato affatto semplice; la fantasia e la ricerca costante dei fatti e dei luoghi mi han guidato durante tutto questo periglioso percorso.

Con la minuziosa pazienza di un bambino ho ricostruito un puzzle ed ogni pezzo pare incastrarsi a dovere con gli avvenimenti che furono.

Scrivere le peripezie del “buon Renato”, per il sottoscritto, è stato un gran motivo d’orgoglio e soddisfazione e sinceramente la mia penna ha vibrato più volte nel riportarlo tra noi comuni mortali.

I miei occhi e soprattutto i suoi d’un Pisano all’Inferno, hanno visto le crudeltà più inaudite, l’aberrazione della pietà umana nell’indifferenza generale, ma anche il sorgere di una nuova Alba.