Prima dell’oblio (un attimo) - Edizioni Il Campano
16864
product-template-default,single,single-product,postid-16864,qode-quick-links-1.0,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Prima dell’oblio (un attimo)

13.50

Titolo: Prima dell’oblio (un attimo)
Autore: Ignazio De Vita
Pagine: 108 ppgg.
Prezzo: 13,50 €
Tipo Rilegatura: Brossura
Mese e Anno Pubblicazione: n/d
Illustrato: n/d
Dimensioni: n/d
ISBN: 9788888506593

La poesia di Ignazio De Vita è sensibile, acuta di spirito, introspettiva dell’anima, intelligente di cuore. Non segue un tracciato ben determinato, quindi difficile da etichettare (sarebbe alquanto ingiusto e riduttivo).

Segue una sua strada personale, un cammino di illuminazione poetica. Certamente si sentono delle influenze lontane di Clemente Rebora (nella rivelazione del sacro, nel misurarsi con la fede); di Mario Luzi, in certi fraseggi manieristici rivolti alla speranza prettamente poetica; di Carlo Betocchi, dove ci si china sull’Uomo in senso più alto, verso la luce del mistero, tra il relativo e l’assoluto.

Si intravede anche l’influenza della poesia francese, quella più alta e tagliente di René Char, fino ad arrivare a Yves Bonnefoy: la poesia è come un dono ricevuto e offerto. Egrave; appropriato definire Ignazio De Vita il poeta archeologo, infatti la sua ricerca del linguaggio poetico scava nel profondo della storia degli archetipi dell’Uomo, (Fenici, Egizi, Greci) e nella psiche, alla ricerca di tesori lontani che ripristinano una ricchezza, un senso, alla poesia di oggi.