Multiculturalismo versus interculturalismo. Quale modello per l’integrazione? - Edizioni Il Campano
18049
product-template-default,single,single-product,postid-18049,qode-quick-links-1.0,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Multiculturalismo versus interculturalismo. Quale modello per l’integrazione?

16.00

Titolo: Multiculturalismo versus interculturalismo. Quale modello perl’integrazione?
Autore: Shkelzen Hasanaj
Collana: COLLANA DEL LABORATORIO DI RICERCA SOCIALE
Pagine: 172 pp.
Prezzo: 16,00
Rilegatura: BrossuraData Pubblicazione: gennaio 2018
Illustrato:    no
Dimensioni:    15,5X22 cm
ISBN: 9788865284179
Catalogo: Arnus

Biografia: Shkelzen Hasanaj è dottore di ricerca in “Scienze Politiche” pressol’Università di Pisa. Collabora alle attività scientifiche della cattedra diDisciplina giuridica del fenomeno religioso nel Dipartimento diGiurisprudenza dell’ateneo pisano. Si interessa ai temi del pluralismoculturale-religioso e delle politiche di integrazione su cui ha scrittonumerosi saggi, tra i quali “Le sfide d’integrazione e dell’inclusione inItalia: Per un nuovo paradigma basato su Dinamicità e Differenziazione”(2016); “Vivere nella diversità: Sviluppo delle tesi interculturaliste indialogo con il modello multiculturalista” (2017); “Multiculturalism vsInterculturalism: New Paradigm?” (2017); “A new model of interculturalintegration in Italy: recognizing the differences with ad hoc principles ofprecedence” (2017); “Europeanization through migration policies: legislativecomparison between civil law systems and common law systems” (2018).

Sinossi: Il libro introduce la riflessione sul pluralismo culturale attraverso unarassegna delle principali concezioni filosofiche che hanno segnato ildibattito sul liberalismo e (neo)comunitarismo, da John Rawls a CharlesTaylor, da Jürgen Habermas a Will Kymlicka, per poi approfondire il modellomulticulturale di integrazione, di cui sono esaminati i fondamenti teorici,le differenziazioni interne e le applicazioni politiche. Il caso del RegnoUnito e il raffronto con le politiche adottate in altri Paesi europei(Germania, Francia e Italia) consente all’Autore di mettere a fuoco i limitidel multiculturalismo e la necessità di un superamento verso un nuovo“paradigma interculturale”, attualmente, oggetto di studio della miglioreletteratura internazionale (Tariq Modood e Ted Cantle) – e al centro deldibattito accademico e dello scontro politico tra il modello multiculturaledel Canada e quello interculturale, implementato nella città nazione delQuébec (Gerard Bouchard). Confrontandosi con le riflessioni di PierluigiConsorti e Gianfranco Bettettini sul ruolo del dialogo religioso come fontedi identità e riconoscimento tra comunità diverse, l’ambizione dell’Autore èquella di trovare una terza via adeguata alla particolare realtàsocio-culturale italiana.