L'enigma svelato - Edizioni Il Campano
18356
product-template-default,single,single-product,postid-18356,qode-quick-links-1.0,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

L’enigma svelato

22.00

Titolo: L’enigma svelato
Sottotitolo: La Gioconda, la Vergine delle rocce, il San Giovanni Battista
di Leonardo da Vinci e il pensiero del Beato Amadeo
Autore: Franco Paliaga
Pagine: 218
Prezzo: € 22.00
Tipo Rilegatura: Brossura PUR
Mese e Anno Pubblicazione: ottobre 2018
Illustrato: Si
Dimensioni: 167×24 cm
ISBN: 9788865284186
Catalogo: Saggistica

Da più di un secolo la critica si interroga sull’affascinante mistero che circonda la Gioconda. Numerose sono state le ipotesi di identificazione della donna, ma nessuna di esse ha fornito la prova inconfutabile che si tratti di Lisa Gherardini, moglie di Francesco del Giocondo, oppure di una certa donna fiorentina identificata con Pacifica Brandani. Da un’attenta lettura della tavola e grazie agli scritti di Leonardo emerge che il personaggio raffigurato è una donna immaginaria, accostabile alla figura classica di Sophia, simbolo di eccellenza della sapienza e della conoscenza. Una concezione filosofica in parte diffusa dal pensiero del beato Amadeo da Silva del quale Leonardo ne risentì l’influenza anche per la realizzazione di due altre famose opere, la Vergine delle rocce e il San Giovanni Battista, sempre conservate al Louvre.
Il libro analizza, dopo vent’anni di ricerche, i tre dipinti alla luce di questa concezione religiosa, fornendo inedite e straordinarie interpretazioni delle più famose opere di Leonardo da Vinci.

 

Franco Paliaga è docente di storia dell’arte presso le scuole pubbliche italiane. Laureato e specializzato presso il Dipartimento di Storia delle Arti dell’’Università degli Studi di Pisa, già borsista alla Fondazione di Storia dell’Arte Roberto Longhi di Firenze, è autore di numerosi libri e saggi sulla pittura italiana del Cinque e Seicento apparsi sulle principali riviste italiane. Ha collaborato a diverse mostre in Italia e all’estero. Ha ottenuto il dottorato di ricerca presso l’Università di Udine e l’abilitazione scientifica nazionale per l’insegnamento di storia dell’Arte Moderna presso le università italiane. Su Leonardo si è occupato più volte, tra le sue opere si ricorda: Giovanni Ambrogio Brambilla, le teste di carattere di Leonardo e la commedia dell’arte, in «Raccolta Vinciana», 26, 1995; Riflessioni a margine su “Eraclito e Democrito” di Bramante e l’ influenza di Leonardo, in “Tutte le opere non son per instancarmi”. Raccolta di scritti per i settant’ anni di Carlo Pedretti, Palermo, 1998; L’equivoco della Gioconda. La presunta Mona Lisa di Leonardo, Pisa 2006.