Il giovane professore - Edizioni Il Campano
18147
product-template-default,single,single-product,postid-18147,qode-quick-links-1.0,woocommerce,woocommerce-page,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Il giovane professore

22.00

NON DISPONIBILE

Titolo: Il giovane professore
Autore: F. Loreti, R. Guerriero
Pagine: 220
Prezzo: 22,00 €
Rilegatura: Brossura
Data Pubblicazione: Maggio 2018
Illustrato: Si
Dimensioni: 15 ×21 cm
ISBN: 9788865284247
Catalogo: Saggistica

I due Autori di questo libro sono stati negli anni 1959-70 studenti e poi assistenti di Franco Scaramuzzi, “giovane professore” Ordinario di Arboricoltura, con il quale hanno collaborato a sviluppare il loro Istituto.
Il testo raccoglie e descrive le numerose attività didattiche e sperimentali, insieme a molte cronache aventi non solo valenze tecniche, ma anche umano spirito critico (sempre costruttivo), che animò chi visse le avventurose peripezie degli inizi. L’alto numero dei nominativi, che compaiono nelle illustrazioni e nel testo, è elencato nell’indice dei nomi.
Ne emerge un esemplare documento d’epoca, coronato dalla partecipazione di coloro che hanno vissuto in quei dodici anni, condividendo il senso ed i valori di una Comunità che sa cosa sia una reciproca stima e amicizia, anche nel lavoro.

Filiberto Loreti, Tarquinia (VT) 26/05/1935 – Pisa 30/04/2017. Laureato in Agraria all’Università di Pisa (membro del Collegio Pacinotti, attuale Scuola di Studi Superiori Universitari S. Anna). Allievo del Prof. Franco Scaramuzzi con una borsa di studio del CNR, quindi assistente, fino a divenire ordinario di Coltivazioni Arboree ed ottenere la direzione dell’Istituto omonimo. È stato per un triennio Presidente del Dipartimento di Coltivazione e Difesa delle Specie Legnose, in cui l’Istituto ha confluito nel 1990. La sua attività scientifica è documentata da oltre 350 pubblicazioni scientifiche a stampa e dalla partecipazione a numerosi congressi scientifici europei ed extra europei con contributi ed approfondimenti di varie problematiche riguardanti anche la biologia e la fisiologia delle specie legnose. Membro dell’Accademia della Vite e del Vino, di quella dell’Olivo e dell’Olio, socio della Società Orticola Italiana e dell’International Society for Horticultural Science e della Plant Propagator Society. Cherubino dell’Università di Pisa. Accademico Emerito dell’Accademia dei Georgofili, Presidente della Sezione Centro-ovest della stessa fin dalla sua costituzione, carica che ha esercitato con successo e generale ammirazione.

Rolando Guerriero, nato a Pisa il 15/01/1935, laurea in Scienze agrarie. Ha svolto tutta la sua carriera universitaria (da assistente incaricato a professore ordinario) presso l’Istituto di Coltivazioni Arboree dell’Università di Pisa. Libero docente in Frutticoltura Industriale (1970) ha tenuto il corso di Viticoltura dal 1971 al 2007 e per due anni (2003-2004 e 2004-2005) quello di Ecobiologia e geografia viticola nel corso di Laurea Specialistica. L’ attività di ricerca ha riguardato aspetti bio-agronomici della frutticoltura e della viticoltura, quali la dormienza ed il fabbisogno in freddo delle gemme, la biologia fiorale e la protezione dalle gelate primaverili. Essa è testimoniata da oltre 199 pubblicazioni a stampa. Particolare attenzione ha dedicato al miglioramento genetico dell’albicocco, alla descrizione e valutazione del germoplasma dell’olivo e dell’albicocco ed alla costituzione di nuove cultivar di quest’ultima specie. È membro dell’Accademia Italiana della Vite e Vino e dell’Accademia Italiana dell’Olivo, accademico aggregato dell’Accademia dei Georgofili. Con l’andata a riposo ha rievocato mestieri e civiltà ormai scomparse, quali quella dei piccoli contadini toscani e dei carbonai dell’Appennino modenese, ottenendo lusinghieri riconoscimenti in diversi concorsi letterari: Da estate a estate: un anno da sfollato, in Tempi di guerra, ETS, Pisa, 2009; I quaderni nascosti del figlio del repubblichino, Giovane Holden, Viareggio, 2014; Una famiglia di carbonai, Giovane Holden, Viareggio, 2015; Amleto al tempo delle briglie, Montedit, Melegnano, 2016.